Non ricordi più la password ?
:::::
Insegnamento: Miglioramento genetico delle specie vegetali coltivate A.A. 2010/2011
Docenti: Prof. Ciro De Pace
CFU: 6

Programma
PRINCIPI PER LA COSTITUZIONE DI NUOVE VARIETÀ DI SPECIE VEGETALI COLTIVATE-Base genetica ed ereditabilità dei caratteri. Analisi molecolari per individuare nuovi geni utili per ilmiglioramento genetico delle specie coltivate. Origine, evoluzione e domesticazione delle specie coltivate. Concetto di "gene pool". Genetica delle popolazioni nel "gene pool" delle specie selvatiche dalle quali sono state selezionate le specie e le varietà coltivate. Conservazione della biodiversità vegetale nell'ambito dell’utilizzazione e valorizzazione delle risorse genetiche delle specie coltivate. Utilizzazione e valorizzazione delle varietà locali. Interazione delle varietà coltivate con l’ambiente. Relazione tra diversità varietale e resilienza dei sistemi agrari. Sistema riproduttivo e struttura genetica delle popolazioni di specie vegetali.
METODI PER LA COSTITUZIONE DI NUOVE VARIETÀ DI SPECIE VEGETALI COLTIVATE-Modelli di selezione e risposte alla selezione per caratteri qualitativi o monogenici o a variabilità discontinua, e per caratteri quantitativi o poligenici o a variabilità continua. Uso dei marcatori genetici molecolari per migliorare l’efficacia della selezione. Metodi per la costituzione delle nuove varietà di specie coltivate autogame, allogame ed a moltiplicazione vegetativa. Costituzione varietale mediante l’applicazione di metodi di trasformazione genetica. Registro varietale, selezione conservatrice e produzione sementiera. Contributo delle nuove varieta’ alla coesistenza, multifunzionalita’ e sostenibilita’ dei sistemi agrari e sviluppo rurale.
Risultati di apprendimento
Acquisizione di una visione inegrata delle funzioni dell’agricoltura moderna, dei sistemi di coltivazione, e dei metodi di analisi genetica e molecolare per la costituzione di nuove varietà per realizzare progressi nella sicurezza e qualità delle produzioni agricole sia per fini alimentari che non-alimentari. Apprendere i principi per la costituzione ed il riconoscimento (a livello genetico-molecolare) di nuove varietà di specie vegetali coltivate ed adeguare il "turnover" varietale alle agrotecniche che favoriscano reddito, salvaguardia dell'ambiente e conservazione della diversità biologica.





Propedeuticità obbligatorie
Propedeuticità consigliate
Testi di riferimento
BARCACCIA G. e M. FALCINELLI (2005)-Genetica e Genomica- Vol. II e vol. III-Liguori Ed., Napoli
G.T. Scarascia Mugnozza (ed.), 1988. Miglioramento genetico vegetale. Patron ed., Bologna.
R. W. Allard, 1999. Principles of Plant Breeding Principles of Plant Breeding. John Wiley & Sons, Inc., New York.
Varie pubblicazioni relative a casi-di-studio per specifici aspetti del Migl. Genet.
Modalità di esame
Esame Orale,Preparazione di elaborato personalizzato
Commissione di Esame
De Pace, Vittori, Pagnotta
Informazioni didattiche
Frequenza:Frequenza Obbligatoria
Modalità didattica:Lezioni frontali   
Organizzazione della didattica :
  • Lezioni: 40 Ore
  • Esercitazione: 7 Ore
  • Laboratorio: 8 Ore

Orario Lezioni:

Inizio e fine lezioni:28/02/2011-03/06/2011
Edificio: Blocco C; Indirizzo: Via S. Camillo de Lellis-Viterbo - Viterbo;
Orari di ricevimento
Statistiche dei voti
A: 0% (voti 30 e Lode)
B: 0% (voti 28-30)
C: 0% (voti 26-27)
D: 0% (voti 21-25)
E: 0% (voti 18-20)

Clicca per stampare l'intera scheda dell'insegnamento

Docenti
Prossimi Esami
21/11/2011 Miglioramento genetico delle specie vegetali coltivate Esame Scaduto
09/01/2012 Miglioramento genetico delle specie vegetali coltivate Esame Scaduto
13/02/2012 Miglioramento genetico delle specie vegetali coltivate Esame Scaduto
Questa Materia è presente nei seguenti curricula
Colturale (II anno)
ex facoltà di Agraria - Università degli studi della Tuscia (Viterbo)