Non ricordi più la password ?
:::::

Presentazione del prof. Riccardo Valentini

 

Si è laureato in Fisica nel 1985, nel 1987 è diventato Ricercatore presso Università della Tuscia. Nel periodo 1990- 1991 ha svolto attività di ricerca  presso il Department of Plant Biology della Carnegie Institution of Washington (Stanford, California - USA). Nel periodo 1993-1994 ha lavorato presso il Joint Research Center della Commissione Europea (Ispra, Varese).

Dal 2000 è Professore ordinario presso l’Università degli Studi della Tuscia (Dipartimento di Scienze dell’Ambiente Forestale e delle sue Risorse). Nel 2002 è diventato Direttore del Dipartimento di scienze dell’Ambiente Forestale e delle sue Risorse, fino al 31/12/2008.

L’attività di ricerca del Prof. Riccardo Valentini riguarda una serie di temi principalmente nel settore della Ecologia, delle foreste e delle problematiche connesse con l’attuazione delle convenzioni internazionali per la protezione dell’ambiente globale. Il Prof. Valentini in particolare è stato il pioniere delle ricerche che hanno riguardato il ruolo delle foreste nei cambiamenti climatici e l’effetto serra sviluppando nuove tecnologie di misura dell’assorbimento di anidride carbonica da parte delle foreste. Questa tecnologia è oggi utilizzata in più di 250 stazioni di misura nel mondo ed è considerata ormai uno standard per il monitoraggio ambientale. Le sue ricerche pubblicate su riviste scientifiche internazionali di grande prestigio come Science e Nature hanno mostrato come le foreste siano importanti elementi di cattura dei gas serra inquinanti, come l’anidride carbonica, e come le politiche di gestione e miglioramento delle foreste possono portare un contributo positivo a mitigare il riscaldamento climatico. Il suo gruppo di ricerca è costituito da circa 40 giovani ricercatori che oggi svolgono attività di ricerca in molti progetti internazionali in Europa ed in paesi extra –Europei come Brasile, Argentina, Cina, Algeria, Albania e India. I suoi studenti hanno partecipato a spedizioni scientifiche di grande rilievo internazionale in  Siberia, Himalaya, Cina, Africa ed Amazzonia.

L’attività del Prof. Valentini inoltre si è indirizzata alle questioni di politiche ambientale globale e sviluppo sostenibile.

Alcuni incarichi di prestigio sono:

 

Membro delle delegazione governativa del Ministero dell’Ambiente e Territorio per la negoziazione del Protocollo di Kyoto.

Membro  dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) che nel 2007 ha ricevuto il premio Nobel per la Pace.

Presidente del Comitato Scienza e Tecnologia della convenzione ONU per la lotta alla desertificazione. Nell’ambito di questa convenzione ha promosso molti progetti di cooperazione con i Paesi in via di sviluppo e con l’Africa.

Presidente del comitato plenario e membro del Bureau della Convenzione delle Nazioni Unite (UNCCD)

Presidente della commissione del CNR per i Cambiamenti Globali,

Membro del comitato scientifico del Max Plank Institute di Biogeochimica di Jena (Germania), Presidente del Global Terrestrial Observation System – Carbon presso la FAO

Direttore della Divisione Impatti del Clima e Membro del Centro Euromediterraneo sui Cambiamenti Climatici

Laurea Honoris Causa in Scienze Agraria presso l’Università di Gembloux in Belgio.

 

 

E’ autore di più di 170 pubblicazioni di cui 90 su riviste internazionali.

ex facoltà di Agraria - Università degli studi della Tuscia (Viterbo)